DIPINGERE E TINGERE: usi alternativi del caffè e dei suoi fondi

Un altro articolo per la nostra rubrica “eco-friendly”, questa volta dedicato non solo a come riciclare i fondi di caffè. Infatti, scoprirete come rendere artistiche anche quelle gocce rimaste sul fondo della vostra tazza di caffè americano quasi finita! Siete curiosi?

Preparatevi un espresso, un caffè lungo o anche un cappuccino con la vostra Gaggia, e iniziamo a liberare la creatività!

Tingere i tessuti / Bollitura

Tingere i tessuti con i fondi di caffè è davvero semplice! A seconda della quantità di fondi utilizzati, il tessuto risulterà più o meno scuro, assumendo meravigliose sfumature marroni.

Il tipo di tessuto è fondamentale per l’ottima riuscita della tintura. Infatti, per far sì che il colore del caffè rimanga impresso, si consiglia di utilizzare una fibra naturale, come il lino, la lana e il cotone. Le fibre sintetiche, purtroppo, non assorbono altrettanto bene il colore.

1. Per iniziare, il primo passaggio è lavare il capo che desiderate colorare, e lasciarlo asciugare come siete soliti fare. Così, rimuoverete eventuali residui di sostanze che potrebbero compromettere il risultato finale.

2. Preparate gli ingredienti: per 100 grammi di tessuto, sono necessari circa 80 grammi di fondi di caffè. Se volete ottenere una tonalità più scura, aumentate la quantità di caffè per acqua utilizzata. Vi servirà anche del sale, per fissare il colore: un cucchiaio pieno, per ogni litro di acqua.

3. Versate l’acqua in una grossa pentola, con i fondi e il sale. Fate bollire. Una volta portata al bollore, spegnete il fuoco e immergete i tessuti da tingere, mescolando con un cucchiaio di legno.

4. Lasciate i tessuti immersi nell’acqua calda per almeno un’ora.

5. Trascorso il tempo, rimuovete i tessuti e sciacquateli bene con acqua fredda. Riponeteli poi in un’altra pentola, con un po’ di acqua e dell’aceto di vino bianco. Lasciateli così per circa 10 minuti, in modo che il colore si possa imprimere ulteriormente.

6. Risciacquate i tessuti e lasciateli asciugare al sole.

7. Infine, lavateli in lavatrice con acqua fredda. Non mischiate questi capi appena tinti con altri!

Tingere i tessuti / A secco

Vediamo insieme anche il metodo della tintura a secco. Dopo aver lavato con cura i capi da tingere, lasciateli asciugare. Ora:

1. Preparate gli ingredienti: per ogni tazza di fondi di caffè, utilizzate un cucchiaio d’acqua. Mischiate in una grossa ciotola con l’aiuto di un cucchiaio di legno, fino a ottenere una pasta granulosa e compatta.

2. Cospargete i capi con il composto appena ottenuto e spalmate bene con l’aiuto del cucchiaio, così che il caffè possa penetrare bene attraverso le fibre. Per evitare di danneggiare le superfici sottostanti, consigliamo di coprirle con un telo impermeabile.

3. Una volta fatto, lasciate asciugare i capi alla luce del sole. Quando saranno pronti, con l’aiuto di uno spazzolino, rimuovete i residui di fondi di caffè dal tessuto.

4. Infine, passate il ferro da stiro per eliminare eventuali pieghe e fissare ancora meglio il colore.

Dipingere il legno

Con i fondi di caffè potete anche dipingere il legno, conferendogli un bellissimo effetto luminoso.

Prima di iniziare, procedete con la carteggiatura del legno. Questo processo lo renderà liscio e pronto a ricevere il colore. Poi, rimuovete i residui di polvere originati da questa operazione.

La quantità di caffè che vi serve dipenderà dalla grandezza della superficie da dipingere e da quanto desiderate che il colore sia intenso. Sbriciolate i fondi di caffè e aggiungete un po’ di acqua, a seconda del risultato che volete ottenere. Ora, iniziate a dipingere, utilizzando un grosso pennello. Consigliamo di testare prima un piccolo angolo della superficie da colorare, in modo da avere un’idea in anteprima di come sarà il risultato finale. Prima di passare altre mani di colore, assicuratevi che lo strato precedente sia ben asciutto.

Dipingere su carta

La cosiddetta Coffee Painting è una tecnica che si basa sulla creazione di sfumature e contrasti di toni chiari e scuri del medesimo colore. Come per gli acquerelli, dovrete iniziare con una tonalità più leggera e chiara, che sarà il vostro sfondo, e poi aggiungervi mani di colore per avere toni più intensi.

Qui, lo skyline di Milano, dipinto a mano su carta, con il caffè

Questo metodo permette di realizzare dipinti monocromatici, in cui l’immagine è interamente scolpita nel contrasto di intensità delle sfumatue di un solo colore, il marrone. Quale caffè utilizzare?

Potete sperimentare con differenti tipi di bevande preparate con la vostra macchina Gaggia (e fatte raffreddare, ovviamente). Ogni bevanda colorerà il foglio in maniera diversa, a seconda della quantità di caffè e acqua presenti. Ma, se volete davvero essere eco-friendly, perché non utilizzare quelle gocce di caffè rimaste sul fondo della vostra mug, quando avete appena finito di gustare il vostro espresso, o americano preferito?

Una volta terminato, ricordatevi di lasciar asciugare il dipinto per almeno 24 ore. Se volete incorniciarlo, potete applicarvi poi un leggero strato di vernice protettiva, per conservarlo al meglio.